Mostra fotografica ed esposizione fotocamere d’epoca

marzo 25, 2009

È già da un pò che non scrivo più su questo blog, non perchè il mio progetto si sia arenato o perchè l’abbia abbandonato, ma perchè una delle mie passioni, la fotografia, mi ha preso la maggiorparte del tempo.

Ne approfitto per invitarvi tutti alla mostra fotografica che il gruppo di cui faccio parte sta organizzando. Oltre alle fotografie è previste anche l’esposizione di 150 macchine fotografiche d’epoca e un’area didattica di camera oscura.

Mostra fotografica "L'arte dell'invisibile"

Mostra fotografica "L'arte dell'invisibile"

M’illumino di meno

febbraio 13, 2009

Una delle eco-manifestazioni più particolari e significative degli ultimi anni fu lanciata dal programma “Caterpillar”, ed il titolo spiega già tutto:

M’ILLUMINO DI MENO

cioè, cerchiamo di consumare meno energia elettrica utillizzata in mod inutile. Come? Prendendo direttamente il testo dal blog rai ecco cosa fare:

” L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere luci e dispositivi elettrici non indispensabili il 13 febbraio 2009 dalle ore 18. ”

Ovviamente il mio invito è quello di spegnerli tutti i giorni! Le varie luci, lucette, led, ecc che fanno parte dei nostri apparecchi e che rimangono illuminati anche quando sono spenti. E’ utile spegnere la tv con il tasto quando si va a letto.  Staccare la presa dei pc quando si esce dall’ufficio, magari acquistando una ciabatta con interruttore (molto pi+ sicura della fila di triple che si vede spesso) e cosi via facendo passare tutti gli elettrodomestici. Con questi piccoli accorgimenti si arrierebbe già ad un soddisfacente risparmio di energia e quindi, di inquinamento.

Cerchiamo di voler bene alla terra!!! Fin che siamo in tempo……

Cosa si può recuperare da un vecchio pc?

febbraio 2, 2009

Qualche post fa dissi che i pc che per qualche motivo non potevano essere utilizzati, perchè troppo vecchi o danneggiati, venivano smontati. Ma cosa si può recuperare da un vecchio pc?

Bhe innanzitutto si deve vedere quanto vecchio è il pc. Alcuni componenti hanno cambiato la loro forma durante il tempo (ad esempio gil alimentatori che da due connettori per la mobo sono passati ad uno solo) o le schede madri che non supportano processori moderni. Stessa cosa vale per la ram.

Ma oltre a ram, mother board e alimentatori, lettore cd, ecc cosa si può tenere di un vecchio pc? Sono tante le componenti che posso recuperare per il laboratorio che sto realizzando. Alcuni esempi sono:

Le ventole

Tra le prime cose che avrete la necessità di sostituire troveremo questo semplice ma indispensabile congegno per il raffreddamento di alimentatori e processori. In molto casi se i pc vengono recuperati da magazzini la polvere potrebbe averle bloccate, causando cosi il surriscaldamento dei componenti. Le ventole le possiamo recuperare da alimentatori datati per far funzionare modelli nuovi(tagliando i fili e ricollegando i fili rossi e neri)e vecchi processori

fusibilieco_piccole Viti: molti dei pc che ho recuperato erano stati privati di alcune viti. Per evitare di avere schede traballandi o scocche che si staccano è importante avere una buona scorta. Un buon raccoglitore può essere utile.
Fusibili: gli alimentatori sono protetti dalle sovratensioni dai fusibili “elementi deboli” del circuito che si bruciano evitando il danneggiamento dell’intero alimentatore.
Jumper:Presenti nel retro dei lettori cd e degli hard disk sono difficili da trovare ed indispensabili per l’utilizzo dei dispositivi sopra citati: grazie a loro decidiamo i dischi primare e secondari.
Tasti: in molti pc i tasti hanno forma simile. Perchè non poter utilizzare un pc se si blocca il tasto “power?”
Distanzieri: non so se veramente si chiamano cosi: in alcuni case sono fondamentali per il posizionamento di hard disk, lettori cd e schede madri. Hanno un filetto per l’avvitamento di ulteriori viti.

Le schede: tutte le schede che possiamo recuperare sono utili a partire dalle scheda madre con  o senza processori, schede video, schede di rete, schede con varie porte (seriali, usb,ecc).

Per quanto riguarda le schede di rete però se riusciamo ad avere solo schede 100Mbit è meglio. Esistono ancora scheda da 10Mbit che però risultano troppo lente per la navigazione e gli aggiornamenti del pc.

Cavi:anche in questo caso tutti i cavi risultano utili (cavi per gli hd, i lettori cd i floppy ecc.

Ed in ultimo…

I cavi elettrici!!! E voi penserete: e che ci facciamo? Ad esempio potremmo costruirci una piccola lampadina per ispezionare i case o un raffreddatore per i notebbok con le ventole rimaste. Logicamente tutto usb.

Le ultime cose che possiamo recuperare sono i copri slot dei cd, cioè quei rettangoli di plastica che rimuoviamo quando installiamo un nuovo lettore cd ed i copri slot delle schede. In questo caso di metallo si trovano nella parte posteriore dei pc. Inserendoli dove serve nei pc che andremo a sistemare eviteremo che un sacco di polvere si depositi dentro al computer.

Come potete vedere riusciamo a recuperare un sacco di materiale che altrimenti andrebbe distrutto. Recuperando materiale si evita di aumentare la già alta montagna dei rifiuti tecnologici ed il nostro laboratorio sarà ancora di più riciclone e a costo zero!

Obamicon me!

gennaio 31, 2009

Durante un pò di cavoleggiamento di pausa studio mi sono imbattuto in questo sito che permette di creare un propria immagine prendendo come spunto la famosa immagine poste del neopresidente degli USA Obama.

Il suo utilizzo è molto semplice. Basta andare sul sito, registrarsi, fare l’upload di un immagine nei formati consentiti dal sito (che non pesino più di 4mb) e scegliere la scritta di sfondo.

Io mi sono fatto una mia poster-image personalizzata.

Per non dimenticare

gennaio 27, 2009

Per non dimenticare i morti.

Per non dimenticare gli orrori.

Per non dimenticare chi e come ha creato gli orriri ed evitare che si ripetano.

Per non far dimenticare ai nostri figli di quanto possano essere crudeli gli uomini, e farli crescere diversamente da questi.

Per non dimenticare che NESSUNO è migliore di un altro semplicemente perchè è biondo o Ariano o qualsiasi altra cosa.

Per non dimenticare che c’è qualcuno che vuol farci dimenticare!

Per non dimenticare che a noi è andata bene, perchè gli orrori non li abbiamo mai vissuti ne visti, ,ma quella ferita che  sentiamo dentro quando vediamo le immagini scorrere è ancora aperta.

Per non dimenticare che c’è qualcuno che riesce a riderci su, con semplici battute, la morte di milioni di uomini.

Per non dimenticare, che anche se lo fai per scherzo, e saluti come Hitler, sei un deficente. NON DIMENTICARLO!

Per non dimenticare che se credi che i morti siano stati per una giusta causa, sei un deficente. NON DIMENTICARLO!

Per non dimenticare, di lottare sempre, contro chi vuole limitarti la libertà. Lotta sempre.

Per non dimenticare, di essere migliori di chi ha fatto la strage.

PER NON DIMENTICARE, MAI!!

2 nuove Sante ed un Beato

gennaio 26, 2009

Ok, lo so, il titolo di questo post è un pò fuoriviante! Però ho passato economia e sono troppo contentoooooooooo!!!!

Io di economia non ci capisco 1 mazza! Proprio non mi entra in testa quasi niente! Ed è per questo che festeggio per un 22!:D

Uno “Special thanks” va alla squadra vincente!!!

Santa Jekka da Tradate

Santa Lely da Saronno

E Beato Skype! Portatore delle nostre teleconferenze/ripasso!!!

E si riballa di nuovo!!!

Scrollatina al processore…

gennaio 25, 2009

Nel precedente post non riuscivo a capire quale fosse il problema del pc. Partiva ma non si vedeva niente sul monitor nonostante avessi cambiato qualche componente.

Stamattina ho trovato la soluzione. Riaccendendo il pc ho notato che non faceva quel “trr” (o come si può scrivere) tipico dei pc un pò datati quando partono. Però le ventole giravano, quindi il pc sembrava partire. E se partisse l’alimentazione ed il processore non girasse? A questo punto mi accorgo di qualcosa che non va. Il PII montato su  questo pc ha ancora un socket di quelli verticali, simile a quello dell’immagine, che dovrebbe avere oltre ai blocchi laterali anche qualcosa che tiene fermo il tutto. Dovrebbe, perchè qualche genio dell’informatica ha ben deciso di toglierlo….Faccio mente locale a quel che ho fatto quando tolsi la pila del bios…si in effetti posso aver urtato innavertitamente il socket del processo. E non avevo ancora tolto la scheda video quindi è impossibile che non fosse posizionata giusta… Piccola scrollatina e provo a riaccenderlo. Cacchio parte tutto! Per sta cavolata ho perso mezzo pomeriggio di ieri!! Mannaggia!!! Adesso devo trovare i blocchi appositi del socket o invertarmi qualcosa!!

Ah, non fate come un mio amico che ha iniziato a dire “Dopo la terza scrollata…”. L’ho fermato prima che finisse la frase….

Secondo voi che ha?

gennaio 24, 2009

Piccolo quesito: ho un pc un pIII con 128 mb di ram che è partito 1 sola volta, tt ok. Però c’era su la maledettissima password del bios che alcune impiegate hanno avuto l’idea di mettere. Tolgo la pila, aspetto un attimo rimetto la pila. Niente password del bios ma anche niente video. Secondo voi che può avere? ho già

– cambiato 3 schede video. nessuna di queste va, però su i rispettivi pc funzionano alla grande.

-cambiato 2 alimentatori (magari quello originale è un pò andato e non ci sta dietro), nada.

La pila ho controllato è giusta!! Cacchio!!!! Possibile che abbia fatto del danno…

Io continuo a riprovare…..voi se volete date suggerimenti!

Grazie!!!!!!!!

xterm

Ballando con i pinguini….

gennaio 23, 2009

Eh si, sto proprio ballando!

Chi mi conosce sa che è un evento tanto raro quanto infelice da vedere. Eppure io sto ballando come un pirla in mezzo alla stanza. E sapete il motivo?

Ho altri tre pc per il laboratorio!!!

Mi arrivano già alle orecchi i primi commenti sentiti che dicono :” E chi se ne frega!!”

Eh già, però sto progetto in cui mi sono andato ad “impergolare” (parola che da un primo indizio di dove stia creando questo lab) mi sta prendendo molto! Ci sto lavorando solo di sera causa esami e lavoro però mi piace molto! In più questa esperienza una delle poche volte in questi 3 anni di università in cui sento di stare davvero sfruttando quello che ho imparato durante le lezioni!

Per questo mio “ballo della felicità” o chiamatelo come volete devo ringraziare (o dare la colpa più probabilmente) Teo2!! Che oggi ha avuto la gentilezza di darmi un sacco di pc (alcuni veri cimeli dell’informatica che ho deciso di tenere per i posteri) e grazie alla sua generosità sono riuscito ad avere 1pc in più e far rivivere altri 2 computer morti.  Nei prossimi post spero di riuscire a ringraziare meglio lui e chi mi ha dato i pc!! Prima ci vuole una piccola premessa, che farò. Forse qualcuno di voi ha già notato che non si dice dove stia facendo questo laboratorio.

Per adesso continuo a ballare!!

Let’s dance!!

Il Vietnam passa all’open source

gennaio 20, 2009

Quando penso al Vietnam mi vengono in mente le popolazioni povere, le capanne fatte ancora di canne o qualcosa di simile. Gente che fa lavori di fatica per riuscire ad arrivare a fine giornata (non a fine mese). Probabilmente questi ricordi sono dovuti alle immagini nella mia testa dell’invasione americana. Oggi però girovagando per la rete ho trovato questa notizia e la cosa mi ha stupito non poco. Uno dei paese meno civilizzati e tecnologici del mondo…passa all’open source…Subito i criceti hanno fatto girare la ruota che alimenta i miei pensieri e purtroppo mi sono chiesto: “come mai il Vietnam, pensa bene di risparmiare sulle licenze software mentre il mondo moderno, quello che si vanta e che si lustra, non ci ha mai pensato?” o meglio, qualche pensiero c’è stato. Ci sono state fin troppe discussioni in parlamento. Tanti bei buoni propositi del politico di turno “risparmiamo a favore dei cittadini” e tutti “bravo!!” 56 minuti di applausi. Si come no -_-‘   E poi però dove sono i risultati? Praticamente nessuno. Ci sono però comuni in Italia che i sistemi open source li hanno adottati (a loro un applauso), ma perchè i grandi enti no? Voi direte: “e ma mica ci sono gli stessi programmi! Linux è indietro! E poi vuoi mettere le esigenze del Vietnam con quelle dell’Italia?”. Quando sento questa frase (quella che linux è indietro) mi prendono sempre le convulsioni….comunque linux non è indietro, il problema è che chi sviluppa programmi lo fa solo per windows e la colpa non è solo di chi sviluppa.  Ogni volta che un governo, un ente, il custode dell’ente pubblico, ecc fanno un bando per la realizzazione di un software, perchè non lo fanno fare anche per linux? Poi ognuno scegli: ho tutti pc windows? Ok installo quello epr win, voglio passare all’open source? Figata c’è il programma. Sarebbero ampliamente soddisfattte tutte le esigenze di tutti i comuni. Poi c’è da pensare anche alla sicurezza, non sareste più sicuri anche voi pensando che questo e questo non potrà mai succedere?

Linux fa paura

La maggior parte delle volte che si parla di linux nella pubblica amministrazione mi sento dire “eh ma linux qua non lo conosce nessuno! come si fa a dire agli impiegati di usarlo”, bhe perchè win lo conosce qualcuno? Scrivere tanti fogli di word non vuol dire conoscere windows… “eh ma se si impalla qualcosa chi ci guarda?” ad esempio l’assistenza come ha sempre fatto? Chi ha mai messo le mani sul server se non “il ragazzo viene e guarda il server?” E comunque…se il server win deve essere riavviato ogni mese (una volta l’ho addirittura letto sul contratto di assistenza) quello linux è molto più difficile che si impalli. Qualche progetto c’è stato e poi fallito. Perchè? Perchè chi lo usava non trovava le icone come le aveva a casa -_-‘  Mi immagino già la rivista che leggono queste persone “Utonto 2000”.

Parliamo di soldi (perchè poi è sempre li che si va a parare)

Proviamo a fare 2 conti: ubuntu (ma anche mandriva, opensuse, e le altre 2000 versioni di linux in giro) sono gratuite, win costa 100€ a licenza. Facciamo finta che il comune di milano abbia 100 pc (dal mio punto di vista ce ne sono molti di più)

costo pc con ubuntu: zero

costo pc con win: 100*100 = 10.000

Anche qua qualcuno dirà “si ma che costi di manutenzione hai? E la formazione del personale? Ed il porting del software?? Vuoi mettere quanto spendi subito?” E quella è la prola magica subito, si perchè poco dopo inizia il guadagno. E’ vero che l’adozione di sistemi open source comporta l’investimento di risorse, a volte lo ammetto ingenti, che con gli anni si riducono drasticamente (basti pensare che non si devono pagare licenze, e  che comunque una licenza di un software libero costa meno di uno proprietario). Mentre il costo dei sistemi proprietari rimane sempre sul fisso alto (oltre alla normale manutenzione ci sono licenze da rinnovare).

Infine vi mostro questro grafico

Io non lo commento. Fatelo voi.